Noci, città unica per tradizioni di sapori e di tradizioni. Una di queste è quella che, diversi anni fa, il 2 Novembre faceva incontrare tantissimi ragazzini pronti a girare per le case dei nocesi, nel giorno del ricordo dei defunti, chiedendo: “ all’àneme di muérte ma dè na fic?”

Cosa racconta questa tradizione, anche da un punto di vista nutrizionale e quanto è cambiato rispetto ad oggi? Ce ne parla la nutrizionista biologa dott.ssa Francesca Amatulli, anche lei nocese e figlia di queste antiche tradizioni.

 

L’antica tradizione del 2 Novembre è quasi scomparsa ed è stata rimpiazzata da  “dolcetto o scherzetto”, che si riconduce alla festa di Halloween – spiega la dott.ssa Amatulli. Si tratta di un chiaro esempio della società oramai modificata nello stile di vita e nelle abitudini alimentari. Dolciumi di ogni tipo hanno preso il posto di mandarini, mele, noci, mandorle e fichi secchi. Di contro, parecchi anni fa, tutto era legata alla stagionalità e al territorio. Il consumo di zuccheri semplici era ridotto al minimo e le merende erano fatte di pane con olio e pomodoro. Pane e zuppe di legumi fornivano la giusta energia per il lavoro nei campi. Ora, questo è stato sostituito da sedentarietà e poco movimento che incidono negativamente sulla salute. Il divano, la TV, il computer hanno preso il posto di piazzette, cortili e oratori.

Un’alimentazione però, quella del passato, scarsa dal punto di vista nutritivo. Carne, pesce e uova erano prodotti di lusso e venivano consumati in condizioni particolari come in caso di malattia.

 

Che cosa dovremmo saper apprezzare, invece, nel contesto nutritivo odierno?

 

Oggi che disponiamo di una grande varietà di alimenti è bene sapersi nutrire. Dobbiamo tornare a rivalutare il legame con la nostra terra.

Lo sfizietto da Matteo utilizza ad esempio carne proveniente da allevamenti nocesi e non intensivi.

È bene, al giorno d’oggi, puntare alla qualità e non alla quantità. Puntare ad una alimentazione equilibrata e proporzionata. Un eccesso glucidico come quello di tanti anni fa era necessario, un eccesso proteico che molti utilizzano in maniera inconsapevole è dannosa.

La dieta mediterranea resta un giusto compromesso per la nostra salute.

Il nostro territorio, i prodotti della nostra terra e le tradizioni restano un dono prezioso. Quindi perché non tornare a bussare alle porte dei nocesi il 2 novembre? “ all’àneme di muérte ma de na fic?”

 

Fonte foto: www.puglia.com

 

Le belle tradizioni nocesi: all’àneme di muèrte ma dè na fic?
Vota questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. In linea con il nuovo regolamento sulla privacy (GDPR - Regolamento UE 2016/679), puoi accettare l'utilizzo di questi cookie premendo sul pulsante accetta. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra Cookie e Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi